Non è la data né il periodo ideale per l’apertura di un nuovo sito.

I professionisti del marketing raccomandano infatti di scegliere un periodo in cui le persone potrebbero avere il giusto tempo di dedicarsi alla visione di una nuova proposta online. E’ difficile immaginarsi il mio lavoro in questa, che sarà una stagione nuova, in tutti i sensi. Il mio vuole forse essere anche un messaggio di speranza…
Perché sono sicura, torneremo a sorridere e a festeggiare!

La vita però non sempre permette di rispettare i buoni propositi che uno si pone ad inizio anno, si intromette con i suoi imprevisti e chiede del tempo. Ecco che quindi i miei progetti di pubblicazione del nuovo sito hanno un pò rallentato il ritmo e ho trovato il tempo per ultimarlo solo in questi mesi.


Lo condivido con la mia famiglia, quella più stretta e quella allargata, perché credo che in fondo ognuno di loro abbia contribuito ad essere quella che sono: nel bene e nel male. I miei genitori e mia sorella per l’80% (credo), e poi nonni, cugini, zii, amici e non amici mi hanno dato modo di pensare e costruirmi la testa che ho, e imparare a vedere il mondo con uno sguardo aperto e curioso. E infine, ma forse il più importante, dedico il mio nuovo sito a mio marito. Lui sa bene il perché.

Dedico il mio nuovo sito e forse anche un po’ la mia nuova fotografia ai viaggi che ho fatto fin da quando ero (abbastanza) piccola, che credo abbiano messo in moto dentro di me una serie di pensieri e stimoli, che mi hanno spinta sempre in avanti e che oggi sento gridare a voce alta. Ora concludo, altrimenti smetterete di seguire il mio blog fin da subito perchè penserete che troppe parole annoiano.

Spero che la mia fotografia vi racconti di me quanto e più delle mie parole, ma soprattutto spero che molti di voi possano iniziare a conoscermi e possano iniziare ad apprezzare il mio lavoro. Non vedrete molto la mia faccia perché preferisco stare dietro l’obiettivo ma tante fotografie, famiglie e sempre nuove storie.

Vi saluto dal mio salotto, guardando dalla finestra il mondo che sarà.
Grazie a chi ha letto fino a qui!